Quella dell’Home Stager è professione nata negli Stati Uniti a metà degli anni ’80 da un’idea di Barb Schwarz fondatrice di IAHSP® e Stagedhome.com®; arriva in Italia solo recentemente, durante un momento in cui il mercato immobiliare aveva fortemente bisogno di una sferzata di energia e di novità: le compravendite erano al minimo e così le locazioni.
Soprattutto nelle grandi città si è assistito ad un drastico calo dei prezzi, mentre il mercato era saturo di abitazioni passate di mano da un’agenzia all’altra per mesi, cosa che non poteva che portare a una svalutazione degli immobili.
In questo scenario entra in gioco una nuova figura professionale, in grado di individuare i punti deboli di un appartamento e di valorizzare i punti di forza; in quest’ottica, l’immobile diventa un prodotto e come tale, ci si può avvalere di diverse strategie di marketing per raggiungere l’obiettivo desiderato.

L’Home Staging è l’arte che permette all’inquilino/acquirente, che entra per la prima volta in una casa, di sentirsi immediatamente al posto giusto.

Ma quali sono le caratteristiche che deve avere un’home stager professionista per avere successo nel proprio campo?

1. Passione per la Casa

Inutile girarci intorno, l’Home Staging è l’arte di preparare una casa per venderla o affittarla nel minor tempo possibile; la passione per l’arredamento e la cura dei dettagli è requisito fondamentale per chi vuole approcciarsi a questa attività.

2. Conoscere il mercato immobiliare

L’Home Staging arriva in Italia proprio per rispondere alla terribile crisi del mercato del real estate. Conoscere le dinamiche e le diverse tipologie di obiezioni che si possono riscontrare in un possibile acquirente/inquilino, potrà essere fondamentale nel momento in cui si volesse proporre il proprio servizio di consulenza ad un’agenzia immobiliare.

3. Preparazione tecnica

Home Staging non significa solo abbinare con buon gusto tessuti e colori.
L’Home Stager deve conoscere il valore che che la fotografia d’interni riveste per il suo lavoro. Un allestimento ben fotografato, avrà certamente un impatto diverso rispetto a uno fotografato, per esempio, con il cellulare!

4. Ikea Addiction

Inutile negarlo, Ikea è la migliore amica delle Home Stager di mezzo mondo.
Tantissime idee, prezzi non proibitivi e la possibilità di ideare soluzioni sempre nuove senza la necessità di avere un budget eccessivo, Ikea è un punto di riferimento e fino ad oggi si è rivelato un grande alleato per tutte le Home Stagers!
In sostanza, non si diventa Home Stager in un giorno!
Ma fortunatamente esiste la possibilità di intraprendere un percorso formativo che permetterà di svolgere questo lavoro con tutti gli strumenti e le competenze del caso!
HOME|Philosophy crede fortemente nella qualità e nell’importanza di questo servizio, per questo motivo abbiamo ampliato la nostra offerta formativa con diversi corsi e workshop che potranno aiutarvi ad percorrere una strada ricca di successi e soddisfazioni!
Volete saperne di più? Cliccate qui!
Restate sintonizzati e diteci se vi sono piaciuti i nostri consigli, lasciandoci un commento!
Se vi è piaciuto il nostro post, non dimenticatevi di condividerlo con i vostri amici sui vostri canali social.